Ok figlio

Ieri ho chiesto a mio figlio Ettore se aveva voglia di fare un video e raccontare un nostro giardino per le scuole. Abbiamo ripreso al volo alcune scene con il telefonino, per fare una prova. Voglio condividerne un paio, così, senza montarle, senza pensarci troppo sopra, con l’idea che descrivono si un giardino, ma sopratutto ritraggono un ragazzino oggi, che commenta tra le righe, spigliato e con accento bolognese, il mondo adulto che l’ha cresciuto.

Dietro questo racconto c’è la storia mia e di mia moglie Cecilia, di una famiglia di città che ha amato con i figli inselvatichirsi alla domenica e che li vede oggi scalpitare e correre su rotte sempre più loro.

Federico ora è in Argentina, a Pico Truncado, per il suo anno di Intercultura, Ettore è qui che ancora si prepara e mi ricorda che scrivere su un blog è cosa vecchia che nessuno più considera: “papà fidati, postare qui è imbottigliare nel nulla. Il blog è morto”. Ok figlio 🙂

Comments
3 Responses to “Ok figlio”
  1. Marco Degli Esposti ha detto:

    o per lo meno riservato a attenti lettori “over”…

    le “cose” di vita, lavoro ecc… mi impediscono ancora di fare quello che mi piacerebbe, ma ti mando un paio delle immagini che ho fatto da Patrizia Merendi (e che anche lei non ha ancora visto…).

    complimenti come sempre, marco — Marco Degli Esposti

  2. Emanuela ha detto:

    cioè… come dire che i blog-dinosauri si sono ristretti nei tweet e nei Fb? Federico, Ettore, inventate alternative più significative per la vostra zooomgenerazione!

  3. Carla Borri ha detto:

    Bravo Paolo,  peccato che scrivi poco, è un piacere leggerti. Carla e Gigi

    Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: